Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il Riparto Dragone - Gruppo Scout d’Europa Palo Del Colle 1 ha preso parte al San Giorgio 2015, per vivere un'esperienza all'insegna dello scoutismo a livello regionale. Partenza fissata per il pomeriggio del 24 aprile: le squadre Lupo e Leone, ansiose di confrontarsi con le altre squadriglie del distretto, si fiondano in pullman con destinazione Accadia. Ad accoglierci all'arrivo è una distesa verde dove gli esploratori muniti di mazzuole e picchetti sono pronti a piazzare le loro tende prima che si nasconda l'ultimo raggio di sole. Fino ad allora ci sarà il tempo di costruire un angolo per cucinare e di raccogliere della legna destinata al bivacco, fondamentale compagno dello scout durante la notte. Alla luce e al calore del fuoco sono le staff dei vari Riparti ad animare la serata proponendo una moltitudine di canti e bans, frutto dei loro numerosi anni di scoutismo. Il fuoco inizia a spegnersi insieme alle energie di tutti e allora il canto del "Signor fra le rende schierati" delega tutti verso un buon riposo.

All'indomani subito ispezione, perchè lo stile è un principio fondamentale scout e poi tutti verso l'alzabandiera per la consueta cerimonia. Al termine prende il via l'attività del giorno: il Grande Gioco di questo San Giorgio tutto strutturato sulla tecnica e sui valori tipici del cavaliere. Ogni staff, posizionata in punti diversi del campo, ne presenta uno alle varie squadriglie insieme a una prova da superare. È il pilastro scout coniugare etica e tecnica in modo da  educare al meglio il ragazzo, in questo caso presentando attraverso delle brevi scenette i punti forti che hanno reso Giorgio un Santo. Le varie prove saranno poi valutate dalle rispettive staff, così da avere per ogni squadriglia un punteggio. Questo si andrà poi a sommare a quello conquistato nell'attività pomeridiana, che vede le squadriglie presentare un'impresa svolta  al San Giorgio. Ogni gruppo di esploratori si è cimentato in una particolare tecnica, tradizione scoutistica o del proprio paese; c'è chi si è impersonato costruttore di utili attrezzi o di rifugi di fortuna. La squadriglia Lupo e quella Leone hanno rispettivamente realizzato un civitas sul nostro paese, Palo del Colle, con tanto di cartellone e una stazione meteorologica, realizzata con strumenti semplici quanto efficaci per compiere previsioni. Tutte le squadriglie e lo staff hanno avuto modo di visionare le varie imprese, così da rendere la competizione anche un utile scambio di idee. Anche l'aspetto spirituale va curato e allora ecco come un altare con paletti e legature possono fare di un prato una chiesa. Partecipiamo alla Santa messa durante la sera, sotto un cielo stellato che rende più magica l’atmosfera. Tuttavia il momento di religiosità non è finito poichè alla celebrazione seguirà l'adorazione del Santissimo durante tutta la notte. Allestita un'apposita tenda e stabiliti i turni parte questa “forte” esperienza che vede le sq. Lupo e Leone alzarsi nel cuore della notte per vivere un momento di estremo contatto con il Signore e i più fortunati hanno anche avuto la possibilità di ammirare lo spettacolo datoci dall'alba. Tutto però finisce. La sveglia del giorno 26 sancisce la fine di questo San Giorgio. Colazione veloce, si ripone tutto negli zaini, si smontano  angoli e tende, tutto con molta fretta per rientrare presto. È il quadrato finale a sancire la fine con il saluto del capo di Distretto e di Mario Scarano, foto e ricordino di rito.

Il Riparto Dragone torna carico di esperienza scout grazie alle prove del Grande Gioco e all'apprendimento di nuove tecniche tramite le imprese delle altre squadriglie ed è pronto a metterla in pratica per nuove avventure con l'aiuto del Santissimo.

(La staff Riparto Dragone del Gruppo Scout FSE Palo del Colle 1)

 

Ultima modifica il Sabato, 03 Ottobre 2015 09:24

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Vai all'inizio della pagina