Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me


Esperienza del Clan Guy de Larigaudie del gruppo Scout d’Europa-FSE Palo del Colle 1 al Challenge Nazionale 2015.


Ore 7:00 del 31 Maggio 2015, all’alba di una frenetica giornata elettorale a Palo del Colle, un gruppo di ragazzi, dopo aver adempiuto al proprio dovere civico andando a votare, parte per l’Abruzzo: sono i Rover del Clan Guy de Larigaudie (dal nome del leggendario Rover francese) del gruppo Scout d’Europa-FSE Impeesa-Palo del Colle 1.
All’apparenza calmi, ma con una tensione palpabile ad un attento osservatore, i Rover viaggiano ed ad aspettarli, in quel di Roccamorice (PE), a più di 300 km di distanza, c’è un’avventura molto importante: il Challenge Nazionale 2015, massima competizione riservata ai Clan di tutta Italia.
Quaranta gruppi coinvolti, ottanta pattuglie e più di 300 ragazzi fra i 16 e i 21 anni, per quello che è l’evento dell’anno della branca Rover a livello Italiano.
Consapevoli di ciò che li attende, i 9 ragazzi del Palo 1 sono pronti a cimentarsi nelle più svariate prove e a sfidare i propri limiti prima ancora che i Rover avversari.
Con questo spirito, appena arrivati al campo base, nel pieno del Parco Nazionale della Majella, vengono montate in fretta le tende e iniziate le prime attività di preparazione per la competizione vera e propria, programmata per il giorno successivo.
Prima il grande quadrato iniziale, poi una emozionante e partecipata celebrazione della Santa Messa, quindi la cena condivisa, nella quale, da Nord a Sud, si è dato libero sfoggio alle tradizioni culinarie regionali, la giornata si è conclusa con un divertente Fuoco di bivacco e poi

subito a dormire per un sonno ristoratore: la mattina seguente sarebbero state necessarie molte energie.
Ore 5.45 del primo Giugno 2015, è l’alba di una giornata lunghissima per tutti. Si inizia smontando le tende e rifinendo gli ultimi dettagli per le 3 pattuglie in cui è diviso il Clan Palese, poi è finalmente il momento di partire…inizia la Grande Sfida, inizia il Challange nazionale 2015.
Prime mappe e coordinate da decifrare, prime prove per tutti. L’inizio del cammino però, è molto selettivo: lunghe ed aspre pendenze sull’asfalto, sotto il sole per i primi km ai piedi del monte Amaro (2793 m), cima principe della Majella, verso la prima delle cinque tappe in programma (differenti a seconda dell’itinerario sorteggiato). In ognuna di esse una prova e un punteggio, risultato di accuratezza, rapidità e stile scout, doti di cui ogni buon Rover deve essere in grado di possedere. Esse svariavano tra lettura di carte topografiche e stima di pendenze, distanze e tempi di percorrenza e dibattiti accesi su tematiche assegnate nei quali dover mostrare carisma e padronanza di se stessi. Il tutto passando per costruzioni, quiz d’intelligenza e strada, tanta strada, dapprima assolata, poi ombrata e quasi cupa, nel fitto bosco, nel quale anche l’orientamento viene messo a dura prova e, infine, impervio e piovoso. Ogni kilometro, metro e centimetro è una sfida. Ben presto, però, è chiaro come la sfida, quella vera, sia con se stessi. Non c’è modo di camminare su e giù per eremi sperduti senza, in qualche modo, superare ciò che si pensa di essere in grado di fare, senza mettersi in gioco, senza la determinazione necessaria a muovere passi accanto a crepacci, sotto il diluvio o il sole cocente, per 9 interminabili ore. L’arrivo, nel pomeriggio, è il coronamento di una fatica e di una sfida lunga, una giornata graniosa e il buon risultato è la gratificazione finale : quindicesimi su 80 nella classifica per pattuglie e quindicesimi su 40 nella classifica per clan. Dopo il verdetto è l’ora dei saluti e del ritorno in Puglia, consci di aver spostato più in là i limiti che credevamo di avere, ma anche di saperli e doverli superare per migliorarsi e migliorare ciò che ci circonda: è la sfida che ogni Rover affronta con se stesso, la sfida che lo Scoutismo porta avanti in ormai 108 anni di storia.
Buona Strada!


Rover Claudio Cuscito

 

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 15 Giugno 2015 19:10

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Vai all'inizio della pagina